La somministrazione di lavoro

Avv. Nicola Marongiu
La somministrazione di lavoro è un particolare contratto attraverso cui un soggetto abilitato e munito delle apposite autorizzazioni richieste (c.d. Agenzia di somministrazione) fornisce ad un secondo soggetto (c.d. utilizzatore) le prestazioni di lavoro da parte di lavoratori che vengono assunti e retribuiti dalla medesima Agenzia attraverso un regolare contratto di lavoro.
L’impresa utilizzatrice può servirsi di tali prestazioni impartendo ai lavoratori somministrati gli ordini e le direttive necessarie, secondo le proprie esigenze organizzative e produttive.
Oggi questa particolare tipologia di impiego è molto diffusa ed abbraccia quasi tutti i settori produttivi.
Quali sono però le tutele previste per i lavoratori interessati?
In quali casi è ammesso ricorrere all’utilizzo di questa figura?
Il ricorso alla somministrazione esterna di manodopera potrebbe incidere sugli interessi dei lavoratori dipendenti dell’impresa utilizzatrice?
Cosa prevedono a tal riguardo i contratti collettivi di lavoro?
In cosa si differenzia la somministrazione dall’appalto di servizi ad una impresa terza?
Qual è la differenza con il c.d. distacco? 

Postate le vostre domande nello spazio "commenta" sotto l'articolo utilizzando il vostro account di Facebook o Socialnews.
Il nostro esperto, Nicola Marongiu chiarirà i vostri dubbi attraverso una video risposta.
27 giugno 2012
Diventa fan di Tiscali Lavoro su Facebook
Stampa
 
 
  
Annunci di lavoro

Segui Tiscali su:

Comunica con i servizi Tiscali:

Informati con Tiscali:

Cerca le aziende e servizi della tua città

Sei a:
Cerca:
L'esperto risponde

L'esperto risponde
Ogni settimana lanceremo un tema inerente il mondo del lavoro. Attraverso una video-intervista un avvocato risponderà alle vostre domande

Concorsi

a cura di concorsi.it
Centri per l'impiego

Centri per l'impiego
Una rete di servizi in tutta Italia per facilitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro

© Tiscali Italia S.p.A. 2016  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali