Allegati
Non sono presenti allegati

Un ponte con l'europa

La strategia dell’Ue per stimolare la crescita e l'occupazione in maniera sostenibile, nota come Strategia di Lisbona, promuove l’innovazione all’interno delle imprese e gli investimenti nelle risorse umane, con l’obiettivo di creare una società della conoscenza. La priorità viene data alla formazione permanente e agli incentivi per la ricerca e lo sviluppo. La strategia punta inoltre ad attirare più persone nel mondo del lavoro, a mantenerle più a lungo attive, con l’aumento della speranza di vita, a migliorare la capacità di adattamento dei lavoratori e delle imprese, nonché l’istruzione e le qualifiche e ad adattare i sistemi previdenziali alle sfide sul fronte dell’innovazione, della globalizzazione e della mobilità. L’obiettivo è conciliare flessibilità e mobilità in un mercato del lavoro caratterizzato da una solida rete di sicurezza sociale, un concetto noto come ‘flessicurezza’.
La Strategia di Lisbona ha assunto una nuova importanza con la crisi economica del 2008. Se rigorosamente applicata, contribuirà a rilanciare la domanda e a ripristinare la fiducia nell’economia europea. L’UE ha inoltre elaborato alcune misure per limitare l’impatto, a breve termine, della crisi sull’occupazione e migliorare le prospettive di lungo termine dei lavoratori europei, adattando le loro competenze alle esigenze del mercato, e formulando previsioni riguardo a queste ultime. Ad esempio, se attualmente vi fosse un esubero di lavoratori tessili e si profilasse in futuro una carenza di lavoratori in campo turistico, occorrerebbe riqualificare i primi. Ecco i cardini della Strategia di Lisbona:
Salvaguardare i diritti dei lavoratori e la protezione sociale
L’Unione è da sempre impegnata a garantire, su tutto il suo territorio, condizioni di lavoro soddisfacenti e a tutelare i diritti dei lavoratori. Vi sono regole comuni a beneficio di tutti, che prevedono norme minime per quanto riguarda condizioni di lavoro, licenziamenti collettivi, lavoro temporaneo e a tempo parziale, salute e sicurezza sul posto di lavoro, maternità e congedo parentale, uguaglianza retributiva a parità di lavoro e protezione dalle molestie sessuali. Il dialogo sociale tra le parti sociali è e rimarrà uno dei cardini della politica dell’Ue. Buone relazioni sindacali favoriscono la tutela dei lavoratori e allo stesso tempo contribuiscono alla competitività. La Commissione europea incoraggia inoltre la responsabilità sociale delle imprese, che impone agli operatori economici di tener conto delle questioni sociali e ambientali nello svolgimento delle loro attività. Adeguare la protezione sociale ad un’economia moderna è essenziale, soprattutto in fase di recessione, quando un numero relativamente elevato di lavoratori rischia di perdere il posto e di dover fare ricorso al sistema previdenziale.
Pari opportunità
Le pari opportunità per tutti sono uno dei principi fondamentali delle politiche europee: norme comuni vietano in tutta l'UE ogni forma di discriminazione basata sul sesso, l'origine razziale o etnica, la disabilità, l'orientamento sessuale, l'età, la religione o le convinzioni personali. L'UE si è anche dotata di strategie specifiche per combattere la discriminazione e la xenofobia e per promuovere l'integrazione sociale.
Investire nelle persone
Investire nelle persone è fondamentale per la strategia di occupazione e crescita. Tra il 2007 e il 2013 il Fondo sociale europeo, il principale strumento in questo settore, spenderà 77 miliardi di euro per migliorare l'accesso all'occupazione, la capacità di adattamento dei lavoratori e delle imprese e le competenze degli enti locali delle regioni svantaggiate. A sua volta, il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione mette a disposizione ogni anno 500 milioni di euro per dare un sostegno personalizzato ai lavoratori dichiarati in esubero in seguito alla liberalizzazione degli scambi e all'intensificazione della concorrenza. Il Fondo aiuterà inoltre i lavoratori che hanno perso il posto a causa della crisi finanziaria a riqualificarsi e a trovare un nuovo impiego.
Diritto alla mobilità
Uno dei principali risultati ottenuti dall'Unione europea è stato garantire che il diritto dei cittadini a vivere e lavorare ovunque in Europa sia accompagnato dal diritto a godere ovunque delle prestazioni sociali, comprese le cure mediche. L’UE intende favorire la mobilità dei lavoratori, che offre vantaggi in termini di sviluppo personale e professionale e permette di adeguare le competenze alla domanda. Per facilitare la mobilità del lavoro, i servizi di collocamento di tutti i paesi dell'UE pubblicano offerte di lavoro tramite il sito EURES, uno sportello unico che propone più di un milione di posti vacanti.
20 novembre 2009
 
 
  
Altri speciali
Annunci di lavoro

Segui Tiscali su:

Comunica con i servizi Tiscali:

Informati con Tiscali:

Cerca le aziende e servizi della tua città

Sei a:
Cerca:
L'esperto risponde

L'esperto risponde
Ogni settimana lanceremo un tema inerente il mondo del lavoro. Attraverso una video-intervista un avvocato risponderà alle vostre domande

Concorsi

a cura di concorsi.it
Centri per l'impiego

Centri per l'impiego
Una rete di servizi in tutta Italia per facilitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro

© Tiscali Italia S.p.A. 2016  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali